Cosa sono e perché  devi utilizzare Finestre in legno alluminio?

In questo articolo voglio parlarti dei serramenti in legno alluminio per farti comprendere le caratteristiche e i reali benefici che derivano dal loro utilizzo.

Quando ci si trova a scegliere per l’acquisto delle nuove finestre di casa si hanno diverse possibilità:

  • serramenti in PVC
  • serramenti in alluminio
  • serramenti in ferro (acciaio)
  • serramenti in legno
  • serramenti in legno / alluminio

* esistono a dire il vero anche varianti in legno/bronzo e legno/PVC/alluminio ma ho elencato per praticità i più diffusi

Prodotti con caratteristiche e specifiche differenti che non variano solo nel prezzo, ma nella capacità di rispondere alle esigenze del cliente e alle caratteristiche dell’immobile. Per questo è sulle caratteristiche delle finestre in legno alluminio che vorrei concentrarmi, per permetterti di capire in che modo potrebbero diventare la scelta più intelligente per la tua casa.

Quando parliamo di serramenti in legno alluminio ci riferiamo a:

  • Serramenti esterni (scuri)
  • Finestre e portefinestre
  • Portoncini d’ingresso
  • Porte interne massicce e tamburate

Caratteristica principale delle finestre in legno alluminio

Le finestre in legno alluminio sono progettate per sfruttare al meglio le caratteristiche dei due materiali. In questo modo è possibile utilizzare il legno per la parte interna e l’alluminio per la parte esterna (quella esposta alle sollecitazioni ambientali e ad una maggiore usura). La costruzione di telaio e ante sarà quindi ottimizzata per rendere complementari i due materiali in modo intelligente.

Finestra legno alluminio

Realizzazione dei serramenti

Nonostante esistano ancora diverse aziende artigiane che producono direttamente gli infissi, la percentuale più grossa del mercato è occupata dalla produzione industriale. Personalmente da tempo ho scelto di lavorare con grandi aziende per garantire ai miei clienti standard elevati, certificazioni e un costante investimento in ricerca. Questo permette di selezionare i materiali migliori, trattarli nella maniera adeguata e ridurre al minimo i margini di errore. Inoltre il vantaggio di una produzione industriale quando si parla di finestre e portefinestre è anche quello di un’assistenza immediata e di una solida garanzia.

Ho tenuto a specificare questo aspetto perché molto spesso il binomio legno = artigianalità funziona, ma in questo caso quando sono coinvolti fattori come:

  • la sicurezza della tua casa
  • l’isolamento acustico e termico
  • il design
  • l’affidabilità negli anni

Il solo approccio artigianale non basta a darti garanzie solide e a generare clienti soddisfatti.

Tipologie di legno utilizzato per la produzione di finestre

Ho raccolto alcuni dei legni più utilizzati per infissi interni ed esterni e ho cercato di fornire una veloce descrizione. Come vedrai rispondono a esigenze pratiche ed estetiche differenti per questo quando è sempre bene capire di che legno si parla.

Le 10 tipologie di legno più diffuse per la realizzazione di infissi in legno alluminio

Pino

Può essere utilizzato anche al naturale e per questo è perfetto per ambienti rustici. Ovviamente è molto resinoso, in generale un legno tenero con nodi. Adatto al solo utilizzo interno.

Rovere

Perfetto per infissi esterni essendo uno tra i legni più duri adatti alla realizzazione di serramenti. Viene solitamente lucidato o tinto. Il rovere fa parte della famiglia della quercia.

Abete

Non è un legno solitamente consigliato per infissi esterni, ma utilizzato solitamente per quelli interni. È caratterizzato da una conformazione nodosa ed è tecnicamente un legno morbido. In alcuni casi può essere utilizzato per le finestre (in queste situazioni si utilizzerà il lamellare) e si presta per la laccatura. Nella variante Abete di prima scelta, le caratteristiche cambiano presentando un legno più chiaro con pochi nodi. In questo caso è possibile l’utilizzo anche per serramenti esterni.

Douglas

Caratterizzato da 3 aspetti fondamentali: resinoso, compatto e resistente nel tempo. Per questo si presta per la realizzazione di serramenti in legno destinati sia ad uso interno che ad uso esterno.

Larice

Si adatta bene per un utilizzo esterno e interno. Ha la caratteristica di essere un legno resinoso ed è possibile tingerlo.

Frassino

Può ricordare il castagno per via delle sue venature, ma ha caratteristiche differenti, è infatti un legno duro e compatto indicato per gli infissi interni. È sicuramente un’ottima scelta quando si cerca un’alternativa economica al castagno.

Niangon

Adatto a serramenti interni ed esterni il Niagon (detto anche Mogano Africano) ha una fibra compatta ed sicuramente un materiale resistente.

Okoumé

Viene solitamente utilizzato per serramenti interni, in particolare si utilizza il lamellare. Ha buone caratteristiche essendo un legno tenero con una fibra compatta.

Castagno

È sicuramente un legno resistente che ha il pregio di durare nel tempo. Può essere tranquillamente utilizzato sia per un utilizzo interno che sterno. Riconoscibile per le caratteristiche venature allungate viene spesso tinto di noce. Nel castagno è presente il tannino, infatti la pianta del castagno misura in assoluto la percentuale più alta di questa sostanza (circa il 7%). Contro: quando esposto all’acqua per periodi prolungati potrebbe lasciare aloni sui muri.

Multistrati Marini

I serramenti realizzati con Multistrati Marini sono particolarmente indicati per rispondere ai fenomeni di erosione atmosferica, per questo sono diffusi nelle zone marittime. Il risultato finale è quello di infissi robusti e resistenti che vengono solitamente laccati.

Sistemi di apertura delle finestre in legno alluminio

Tutte le ultime tecnologie di chiusura sono perfettamente compatibili con un serramento in legno, questo fa in modo che i più elevati standard di sicurezza, isolamento e design possano essere utilizzati senza problemi.

Analizziamo alcuni dei sistemi di apertura più diffusi.

A BATTENTE

È il sistema più utilizzato. In pratica le ante della finestra sono girevoli grazie a cerniere fissate lungo il lato verticale del telaio. Possono essere a battente con apertura all’interno (le più comuni) o a battente con apertura all’esterno.

VASISTAS

È un’apertura molto diffusa in ambito industriale in quanto permette una facile aereazione degli ambienti anche in caso di incendi (per la fuoriuscita di calore e fumo). Ha trovato però un’ottima applicazione anche in ambito domestico. Nel caso di piccoli punti luce come quelli collocati sopra a porte o finestre si definisce sopraluce Vasistas. Può essere utilizzata anche su finestre normali. Tecnicamente la differenza è nel posizionamento delle cerniere che vengono installate sul traverso inferiore, mentre la chiusura (tecnicamente “cricchetto” ) risiede nella parte superiore. L’angolo di apertura e di inclinazione della finestra è stabilito dal limitatore di apertura. Viene definita anche “apertura a Wasistas”.

A RIBALTA

È una soluzione molto pratica in quanto consente a finestre di usufruire allo stesso tempo dell’apertura Vasistas e di quella a battente utilizzando la stessa maniglia per le 2 tipologie di apertura. Funzionamento: la finestra si apre in modo normale a battente, ma chiudendo l’anta e utilizzando la maniglia nell’altra posizione è possibile sfruttare l’apertura Vasistas. Nel caso di un serramento a 2 ante con l’apertura Vasistas il battente senza maniglia sarà chiuso e solo quello con la maniglia potrà sfruttare l’apertura Vasistas.

A SPORGERE

È un’apertura molto utilizzata per finestre posizionate in soffitte e abbaini. Tecnicamente è simile all’apertura Vasistas, ma l’apertura dell’anta avviene verso l’esterno. Le cerniere sono posizionate sul traverso superiore e la chiusura invece su quello inferiore, i bracci di blocco e limitazione definiscono l’angolo di apertura e prevedono solitamente la possibilità di essere sganciati per aprire completamente la finestra in caso di necessità.

BILICO

Sistema di apertura utilizzato per finestre e portefinestra, il bilico sfrutta la rotazione dell’anta su 2 perni. Il sistema permette all’anta di essere fissata in una posizione di apertura grazie a un sistema di molle a scatto. In pratica l’apertura avviene sia verso l’interno che verso l’esterno. Una variante è quella di un montaggio con i perni fissati sui profili verticali, in questo caso infatti la rotazione avverrà attorno a un asse orizzontale e verrà definito Bilico Orizzontale.

SCORREVOLE

L’apertura scorrevole si dimostra particolarmente utile per risparmiare spazio, infatti in presenza di ambienti piccoli si risparmia lo spazio che verrebbe occupato dall’apertura dell’anta a battente. Possono comunque essere anche una scelta estetica o funzionale per esigenze e preferenze personali. Si utilizza sia con finestre che con portefinestre e normalmente è un sistema di apertura composto da 2 ante. Lo scorrimento avviene grazie a carrelli posizionati sotto le ante e che scorrono su un binario che fa parte del telaio stesso. Quando l’infisso è aperto le due ante sono quindi sovrapposte. Per l’apertura si utilizzano solitamente 2 soluzioni: le classiche maniglie o delle vaschette incassate direttamente nel serramento.

SALISCENDI

In Italia è poco diffuso essendo un sistema di apertura che appartiene principalmente ai paesi anglosassoni. In pratica le due ante scorrono verticalmente. Hanno la stessa praticità dell’apertura scorrevole facendo risparmiare spazio, ma sono limitate nell’aerazione. Costituiscono comunque una possibilità interessante specialmente se coordinate con scelte precise dell’aspetto estetico della casa.

Manutenzione delle finestre in legno alluminio

La manutenzione di serramenti in legno alluminio è importante e il mio consiglio è semplice. Almeno una volta l’anno:

  • lavare con una spugna la parte esterna dell’infisso utilizzando solo acqua
  • asciugare attentamente con un panno pulito
  • solo dopo il consiglio del vostro installatore applicare un prodotto dedicato al legno per esterni

Nella maggiorparte dei casi lavare con acqua e asciugare attentamente può bastare a preservare il serramento in buone condizioni.

contattaci-ora

 

Certificazioni del legno

È importante fare attenzione alle certificazioni che accompagnano il prodotto. Nel caso di serramenti in legno è importante verificare che il materiale dichiarato (rovere, castagno, frassino…) sia effettivamente certificato dai documenti di certificazione del serramento. Inoltre è importante accertarsi della presenza della Marcatura CE e della Certificazione Energetica del Serramento

Finestre in legno a Montaggio Integrale™

Utilizzare il sistema a Montaggio Integrale™ con delle finesre in legno alluminio è la soluzione migliore per sfruttare fino in fondo i benefici di questi materiali. Infatti solo un’installazione a regola d’arte che utilizza un nuovo telaio garantisce isolamento termico, acustico e la massima stabilità (che si traduce in sicurezza). Installare dei pregiati serramenti in legno alluminio sul telaio delle vecchie finesre è invece significa buttare letteralmente i propri soldi.

In quanto tempo si installano delle finestre in legno alluminio

Una volta comprese le tue esigenze, effettuate le rilevazioni e scelti i modelli, l’installazione dei serramenti può essere eseguita nelle 24h (48h nel caso di abitazioni più grandi con un numero più elevato di porte e finestre).

Perché molti scelgono serramenti in PVC?

Il serramento in PVC è un’ottima soluzione (quando installato correttamente), offre un buonissimo rapporto qualità prezzo, ma non ha nulla a che vedere con le caratteristiche estetiche, tecniche e di durata negli anni, che può offrire un serramento in legno.

Cosa fare per saperne di più?

Sono disponibile per un sopralluogo gratuito, contattami direttamente senza impegno e sarò felice di aiutarti a scegliere le finestre in legno alluminio più adatte alle tue esigenze. Chiamami ora al Numero 039 2789128 o compila il form che trovi a questa pagina [Clicca Qui].